Ode al pomodoro Torpedino

Ode al pomodoro Torpedino

torpedino 321 agosto 2014,

Ovvero come trovare la bellezza anche nell’ultimo dei Conad

Il vero pomodoro San Marzano è scomparso dalla fine degli anni ’90, e come nel peggiore dei casi di Chi l’ha Visto non si trova più.

Quei pomodori pallidi, grassi e panciuti che la grande distribuzione vi (ci) vende come San Marzano sono solo dei sosia.

Come nel più intricato dei casi, anche qui le false piste si susseguono senza sosta. Vi è chi dice che il San Marzano sia stato rapito dai cinesi, modificato geneticamente e poi reintrodotto in Italia sotto mentite spoglie. Altri accusano la Monsanto di aver ucciso il San Marzano mediante un sofisticato virus creato in laboratorio, e chi più ne ha più ne metta. La verità non la conosceremo mai.

Ma non tutto è perduto. Vagavo tra i banchi dell’ultimo dei Conad, con in testa ancora l’eco delle grida dei verdummari: ‘ e pummarole ‘a mille lire a busta! ed in bocca il sapore dei San Marzano veri che trovai a Torino, si, proprio a Torino, in Piazza Castello, cinque anni fa.

Quando ho visto ma ancora prima di vedere HO ANNUSATO LUI!

Torpedino

Piccoli, rosso fuoco intenso ed appuntiti! Affondate i denti nel Torpedino, ed incontrerete una polpa dura ed aromatica di una dolcezza moooolto simile nel gusto al vero San Marzano. E poi, il profumo di questo pomodoro è così intenso da sfuggire all’imballaggio di plastica della vaschetta. La resa è ottima. Volgarmente detto: se lo usate in ricette anche comuni, non vi ritrovate a mangiare solo semi e pellecchie. Il Torpedino è piccolo, ma pieno di polpa. Scordatevi i pomodori Pachino falsi, prodotti in Cina ma non solo e venduti da noi (e chi scrive sa bene ciò che dice), questo è un pomodoro vero.

Ma cos’è questo pomodoro mai visto, questa pummarola sfiziosa, capolavoro di estetica, tutta mediterranea? Apro la confezione (veramente ne ho comprate 4, poiché ciascuna pesava circa 200 grammi) e scopro che il pomodoro Torpedino è una nuova varietà di pomodoro creata a Fondi.

Chiaramente, data la produzione ancora limitata, la commercializzazione punta ad una fascia di mercato piuttosto alta e molto ristretta. Ri-traduco: vi dicono che il Torpedino si adatta principalmente a ricette raffinate. In verità il Torpedino è buonissimo anche mangiato crudo a morsi.

A voi i modi migliori per gustarlo: con olio EVO, un pizzico di sale e basilico, preparando un sughetto veloce in padella, oppure nel classico spaghetto allo scoglio, magari accompagnato da un bel bianco secco e profumato, servito bello freddo!

Leggi su Vino Collettivo 

Torpedino in tv e in degustazione al Mercato di Brescia

Torpedino in tv e in degustazione al Mercato di Brescia

brescia-torpedino25 luglio 2014,

Torpedino protagonista all’Ortomercato di Brescia dove, mercoledì, è stato al centro di una degustazione nello stand Ebranati Garda Frutta di Vittorio Ebranati. L’azione rientrava nell’ambito della campagne promozionali “Le ricette in vaschetta” e “Le ricette in cassetta” che mirano a diffondere la qualità di questo eccellente pomodoro nei canali distributivi proponendo una collezione di ricette – formato cartolina – “rubate” dalle dispense degli chef del territorio pontino (cliccare qui per la leggere la notizia di Italiafruit News in proposito). In serata è stato proposto anche al ristorante bresciano “Il Gambero”.

Continua a leggere su Italiafruitnews

ORTAGGI PONTINI E RISO VIALONE NANO, CONVINCENTE ABBINAMENTO NELLA SERATA GOURMET VERONESE

ORTAGGI PONTINI E RISO VIALONE NANO, CONVINCENTE ABBINAMENTO NELLA SERATA GOURMET VERONESE

brescia7 aprile 2014,

Cruditè di zucchine bianche, sedano bianco di Sperlonga e carote con pinzimonio; polentina bianca con pomodoro torpedino; succo di torpedino in purezza; involtini di bresaola su misticanza di rucola e pomodoro torpedino; crema di patate con riso nero Venere e sedano bianco di Sperlonga; insalata di riso Ermes con olive itrane, carciofini romaneschi Igp e pomodoro torpedino; risotto con zucchina bianca col fiore e trota salmonata affumicata; crostata di riso con fragola favetta di Terracina e mousse alla vaniglia. Il tutto annaffiato da acqua e vini laziali e accompagnato dal miglior olio della regione.
Una vera e propria “parata” di specialità orticole pontine quella che si è celebrata ieri sera a Isola della Scala, in provincia di Verona, nella suggestiva e rinomata cornice della “Pila Vecia” dove, in concomitanza con il Vinitaly, è stata organizzata una serata per valorizzare il “made in Latina” alla presenza di giornalisti delle principali testate locali e nazionali e alcuni selezionati clienti.

Continua a leggere su Italiafruitnews

ARRIVA TORPEDINO, PRIMO POMODORO A MARCHIO DI FONDI

ARRIVA TORPEDINO, PRIMO POMODORO A MARCHIO DI FONDI

fb18 novembre 2013

FONDI- Nasce il primo pomodoro a marchio del Lazio: è il Torpedino, un gustoso ibrido dalla forma allungata che si presenta come un mini San Marzano. La novità segna un punto di svolta per il mercato di Fondi (Latina) che, sulla scia dei pochi prodotti a marchio in campo ortofrutticolo come la mele Melinda o quelle Kanzi e le banane Chiquita, vuole valorizzare un progetto di ricerca nato nel 2011 che ha richiesto un investimento di quasi un milione di euro in ricerca agronomica per questa varietà che si caratterizza per un sapore intenso, con decise note aromatiche come i pomodori di una volta, ma che ha bassa resa nelle coltivazione.

I primi lotti di pomodoro Torpedino sono disponibili presso le insegne Conad e Todis sul territorio laziale, e nella piattaforma Conad della fascia tirrenica. Si gusta sia verde nelle insalate che rosso maturo, con buona riuscita nei sughi per la scarsa presenza di semi.

La sperimentazione di questa coltura, ha detto, in occasione di Vinicibando a Gaeta, Mariano Di Vito, titolare dell’azienda Mafalda che ha l’esclusiva sul seme “è iniziata in Sicilia, a Licata, ma sono gli operatori e le cooperative del mercato di Fondi quelle che hanno risposto meglio, e ci hanno creduto. Si sta creando una squadra affiatata tra i produttori di Torpedino che si sta rilevando una eccellenza del territorio pontino, un prodotto portabandiera del mercato di Fondi, anche se per ora coltivato solo in sette ettari. Al consumatore – ha precisato – costa un 20%-30% in più rispetto ai listini delle varietà pregiata, ma negli show cooking di presentazione sta raccogliendo pieno consenso tra chef e amanti della buona tavola. Ma la novità più significativa – ha sottolineato Di Vito – è nell’orgoglio ritrovato tra noi coltivatori pontini, non siamo più l’ultimo anello della filiera, col Torpedino abbiamo scoperto un nuovo modo di fare agricoltura”.

Leggi su ANSA 

La notizia è riportata anche su IlMessaggero.it: Latina, nasce il primo pomodoro a marchio del Lazio. Si chiama Torpedino 

IL POMODORO TORPEDINO CONQUISTA I PALATI ALLA MANIFESTAZIONE VINCIBANDO SVOLTASI A GAETA

IL POMODORO TORPEDINO CONQUISTA I PALATI ALLA MANIFESTAZIONE VINCIBANDO SVOLTASI A GAETA
Luigi lombardi
Chef Luigi Lombardi

Vinicibando, salone del vino e del cibo di eccellenza, in programma a Gaeta per il ponte di Ognissanti, presso l’incantevole Villa Irlanda Grand Hotel quest’anno è giunto alla quinta edizione celebrando il primo lustro. La manifestazione è stata ideata e curata dalla giornalista Tiziana Briguglio e dall’Associazione Agroalimentare in Rosa con l’obiettivo di proporre al pubblico non solo il meglio della produzione agroalimentare di qualità, ma soprattutto mettere in relazione tra loro prodotti e produttori dell’una e l’altra parte del Belpaese e stimolare così quelle microeconomie favorevoli a traghettare bontà che tutto il mondo ci invidia al di fuori dei confini territoriali.
I grandi protagonisti di Vinicibando sono stati il genio creativo e la generosità di manualità sapienti capaci di fondere vini di territorio, e vigneti di biodiversità, così come il gusto per le acque e per le birre, le ricette, i sapori dimenticati dei prodotti ortofrutticoli.
Tra i prodotti selezionati anche il pomodoro Torpedino che per il secondo anno ha aderito alla filosofia dell’evento: la promozione e l’esaltazione dei prodotti di qualità.
La versatilità del prodotto ha permesso alla creatività degli Chef di essere declinato in molteplici varianti suscitando un considerevole interesse da parte del pubblico presente ed incassando innumerevoli apprezzamenti sia per la consistenza che per il gusto. Tra gli intervenuti anche importanti ristoratori del comprensorio pontino che si sono mostrati disponibili ad inserire il Torpedino all’interno dei loro menù.

Continua a leggere su Italiafruitnews

IL POMODORO TORPEDINO DELIZIA I PALATI: GRANDE SUCCESSO PER LA CENA GOURMET A SPERLONGA

IL POMODORO TORPEDINO DELIZIA I PALATI: GRANDE SUCCESSO PER LA CENA GOURMET A SPERLONGA

SONY DSC28 ottobre 2013

Il 25 ottobre si è svolto il primo evento interamente dedicato al pomodoro Torpedino presso il Ristorante Laocoonte a Sperlonga. Il tutto si è svolto nella più assoluta semplicità, senza troppi sfarzi e sperimentazioni culinarie. Il menù ideato dallo Chef, Rocco D’Arcangelo, ha permesso ai commensali di poter degustare il prodotto nelle più svariate combinazioni, dall’entrée al dolce. Poiché la tavola non separa, ma unisce. La serata si è svolta all’insegna del ritrovato piacere di stare insieme.
Nell’ultimo anno il Torpedino è stato protagonista di numerosi eventi che sono divenuti uno strumento per fare sistema con il tessuto produttivo locale; eventi volti ad interpretare una strategia comune con obiettivi chiari e condivisi che vedono protagonista tutta la filiera dal produttore al consumatore.
Tra i presenti all’evento: Danilo Mastracco, Fiduciario della Condotta Slow Food di Terracina, e Tiziana Briguglio, giornalista e Presidente dell’Associazione Agroalimentare in Rosa.

Continua a leggere su Italiafruitnews

La notizia è riportata anche su Terracinalive: In tavola trionfa il torpedini, eccellenza dell’agricoltura pontina

SPERLONGA (LATINA): INIZIATIVA PER PROMUOVERE IL POMODORO TORPEDINO

SPERLONGA (LATINA): INIZIATIVA PER PROMUOVERE IL POMODORO TORPEDINO
SONY DSC
Lo Chef Rocco D’Arcangelo e Mariano di Vito

24 ottobre 2013

Questa sera alle 21 al ristorante Laocoonte a Sperlonga (Latina) si terrà una cena gourmet interamente dedicata al pomodoro Torpedino. Promotore dell’evento è Mariano di Vito, amministratore dell’azienda Mafalda s.r.l.. “Siamo molto orgogliosi del Torpedino che possiamo definire un’eccellenza della Piana di Fondi/Sperlonga – dichiara di Vito a Il Faro.
“Per questo motivo stiamo cercando di incentivare una serie di iniziative promozionali, al fine di far conoscere il prodotto a più persone possibili. La nostra finalità non è solo incrementare le vendite del Torpedino, che viene coltivato durante la stagione estiva dai produttori del nostro territorio, ma far sì che riesca a rappresentare un valido volano per rilanciare l’economia locale. Fino ad oggi – continua Di Vito – tutte le persone che hanno avuto modo di degustare il Torpedino, hanno dichiarato che si tratta di un pomodoro dal gusto unico che ricorda il sapore del pomodoro di una volta. Infatti, le numerose varietà di pomodoro in commercio, soprattutto per necessità produttive, non offrono le stesse qualità gustative”.
Il Torpedino è un pomodoro appartenente alla tipologia dei Mini Sanmarzano, può essere raccolto a grappolo maturo oppure a frutto singolo verde per la preparazione di insalate. I frutti, che hanno un peso medio nell’ordine dei 20-25 grammi, sono di gusto intenso, struttura croccante e consistenza elevata. Il Torpedino al palato si presenta croccante, molto dolce e particolarmente aromatico, con un retrogusto avvolgente. Si può apprezzare sia totalmente maturo sia appena colorato. Questo evento segna l’inizio di una serie dedicata alle produzioni che la catena alimentare della piana e del sud pontino in generale ormai realizza.

Leggi su Corriere Ortofrutticolo

la notizia è uscita anche su:

Canale sette: Sperlonga, cena gourmet dedicata al torpedino

Roma Daily news: A Sperlonga una cena gourmet dedicata al pomodoro torpedino

IL POMODORO TORPEDINO CONQUISTA LA FOLLA DI PROSSEDI DURANTE ‘I VICOLI DEL VINO’

IL POMODORO TORPEDINO CONQUISTA LA FOLLA DI PROSSEDI DURANTE ‘I VICOLI DEL VINO’

torpedino-vicoli-del-vino

11 settembre 2013

Il 7 e l’8 settembre il pomodoro Torpedino ha partecipato all’evento i Vicoli del Vino (cfr Italiafruit 5 Settembre 2013), a Prossedi piccolo centro collinare dei Lepini, al confine tra le province di Latina e Frosinone. Una manifestazione rivolta ai giovani e all’educazione al bere.
“Buonissimo!”. Questa l’espressione più ricorrente che i partecipanti all’evento “I vicoli del Vino” hanno affermato dopo aver degustato il Torpedino. Non solo un’espressione verbale, ma il consenso del prodotto era leggibile anche sui loro volti. Nonostante il pomodoro Torpedino sia un prodotto fresco si è ben inserito tra le altre eccellenze in esposizione all’evento di Prossedi, tra cui la facevano da padrone, ovviamente, i vini.
I vicoli del vino è stata una manifestazione unica nel suo genere, infatti, ha visto il centro storico di Prossedi trasformarsi in un enorme salone del gusto. Un via vai di persone, quasi 40 mila, che tra una degustazione di vino e di prodotti tipici ha reso quest’evento ancor più suggestivo.

Continua a leggere su Italiafruitnews

IL POMODORO TORPEDINO PROTAGONISTA IL 7 E L’8 SETTEMBRE A PROSSEDI (LT) NELLA V EDIZIONE DE ‘I VICOLI DEL VINO’

IL POMODORO TORPEDINO PROTAGONISTA IL 7 E L’8 SETTEMBRE A PROSSEDI (LT) NELLA V EDIZIONE DE ‘I VICOLI DEL VINO’

I-VICOLI-DEL-VINO-W5 settembre 2013

“Metti una bufala a merenda, un pomodoro Torpedino a colazione, un crudo vegano a pranzo, e una verticale di Brunello a cena”. Questo è, a Prossedi, Vicoli del Vino. E non solo. Si deve solo camminare ‘tambasiando’ nei vicoli tortuosi per aspettarsi dietro l’angolo le sorprese dell’edizione 2013″.
E’ tutto pronto per la V edizione della manifestazione “I Vicoli del Vino”, il 7 e l’8 settembre a Prossedi, due giorni interamente dedicati all’educazione al gusto per i vini e per le cose buone, come il pomodoro Torpedino.
La manifestazione ideata dalle associazioni Amo l’Italia e Agroalimentare in Rosa, curata da Tiziana Briguglio, interamente rivolta ai giovani e all’educazione al bere e al mangiare, vedrà fra i suoi migliori protagonisti lo stand del pomodoro Torpedino, dove l’azienda Mafalda srl offrirà a passanti, curiosi ed appassionati assaggi del gustoso pomodoro.
Durante i due giorni tante saranno le iniziative volte a diffondere la cultura del bere e mangiare consapevole, con particolare attenzione anche a quelle produzioni fortemente di nicchia sconosciute perfino ai consumatori più attenti. Meraviglie di quell’Italia artigiana, vera e autentica, che la domenica mattina saranno al centro di In-Formati, il corso gratuito tenuto da Unicredit per favorire l’internazionalizzazione delle imprese.

Continua a leggere su Italiafruitnews

 

IL POMODORO TORPEDINO PROTAGONISTA ALLA SERATA INAUGURALE DEI CHAMPIONSHIPS GASTRONOMICI 2013

IL POMODORO TORPEDINO PROTAGONISTA ALLA SERATA INAUGURALE DEI CHAMPIONSHIPS GASTRONOMICI 2013

serata_1

5 luglio 2013

Nella serata del 25 giugno il pomodoro Torpedino, fiore all’occhiello dell’azienda Mafalda srl di Fondi (LT), è stato utilizzato dallo chef del Salaria Sport Village di Roma, Luca Mancini, per competere alla prima edizione dei Championships Gastronomici 2013. Un’iniziativa promossa dal direttore di Tennis Oggi, Sergio Rossi, che vedrà sfidarsi otto chef di prestigiosi Circoli sportivi della Capitale in un’appassionante gara a colpi di ricette.
Lo chef Luca Mancini ha proposto un menù ricercatissimo iniziato con una deliziosa calamarata con telline, vongole, asparagi di mare e cruditè di Torpedino (foto di apertura), e concluso da una mezzasfera con parfait di ananas e perle di Gran Marnier.
La prossima gara, in programma il 19 luglio, avrà protagonista il Circolo Magistrati Corte dei Conti, il cui chef Paola Fratocchi sta già “affilando” forchette e coltelli. Il torneo riprenderà a settembre e proseguirà fino ai primi di dicembre con le gare dedicate agli altri Circoli che partecipano all’entusiasmante sfida: Canottieri Roma, Casetta Bianca, Canottieri Tevere Remo, Tennis Club Parioli, Antico Tiro a Volo e New Country Club Frascati.

Continua a leggere su Italiafruitnews